L’Hackathon Moncler: 450 persone per innovare

 “L’innovazione nasce e cresce quando non si teme di commettere errori”, ha dichiarato l’amministratore delegato e il presidente di Moncler Remo Ruffini nel dare il via al primo Moncler Hackathon tenuto giovedì.

Un umore vivace ed entusiasta attraversava l’ex complesso industriale, a pochi passi dal quartier generale dell’azienda, dove si svolgeva la maratona di 24 ore. Il pubblico di 450 dipendenti era ottimista, applaudendo e applaudendo ai discorsi inaugurali.

Cultura dell’innovazione

“La cultura dell’innovazione sta nella capacità di lavorare insieme”, ha dichiarato l’amministratore delegato e il presidente di Moncler Remo Ruffini nel dare il via all’evento.

“Le soluzioni raramente possono contare su una sola mente, la cultura dell’innovazione sta nella capacità di lavorare insieme”, ha detto Ruffini, aggiungendo che si aspettava che l’evento offrisse soluzioni insolite.

I dipendenti sono stati divisi in 37 team, ognuno dei quali lavora allo sviluppo di un progetto in nove aree strategiche, che vanno dal prodotto e IT alla catena di approvvigionamento, sostenibilità, vendita al dettaglio e l’Accademia interna, che deriva dal primo MonCampus lanciato lo scorso anno che è dedicato alla formazione dei giovani talenti nell’azienda.

Il premio

In chiusura dell’evento di 24 ore, venerdì, 21 progetti saranno presentati alla giuria, inclusi i cinque presentati da team provenienti da regioni d’oltremare, come Corea del Sud, Giappone, Stati Uniti, EMEA e America Latina. I quattro progetti selezionati, vincitori del Premio Hackathon, saranno quindi valutati dai 4.155 dipendenti di Moncler attraverso una piattaforma dedicata e il premio digitale verrà assegnato alla squadra vincitrice a dicembre.

Il premio include la possibilità di frequentare un corso presso la Singularity University, presso il NASA Research Park in California.

“Stai già sviluppando la cultura digitale dell’azienda”, ha dichiarato Roberto Eggs, responsabile marketing e operativo di Moncler, rivolgendosi al pubblico.

“La tecnologia è un fattore abilitante ma non è sufficiente: tu sei il primo valore e il know-how di questa azienda”, ha aggiunto.

Tecnologia e Innovazione per Moncler

Tracciando il programma dell’evento, Paola Peretti, Chief Digital Officer di Moncler, che è entrata a far parte dell’azienda lo scorso anno, ha chiesto ai partecipanti di adottare un approccio di “pensiero progettuale”, mettendo le soluzioni al centro del loro lavoro, mantenendo i criteri di desiderabilità, impatto aziendale, innovazione e fattibilità in mente. “La grande abilità di Moncler è stata quella di sognare in grande … Si inizia sempre con una domanda: ‘Come potremmo [fare qualcosa]?” “, Ha detto.

Sottolineando l’umore gioioso e passionale della giornata, Luciano Santel, direttore generale di Moncler, ha invitato i partecipanti a “divertirsi, è un’opportunità unica”.

 

Se l’articolo ti è interessato leggi anche Anticipazioni su Samsung S11 – prezzo – uscita e l’articolo sui migliori tablet android 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *